Perchè
di Pietro Tozzetti

Perché il fatto di essere donna gli fa credere che tu sia debole?

Perché troppe volte ti considera soltanto un oggetto?

Perché se finisce una storia non puoi essere libera?

Perché ti costringe a seguirlo come se fosse il padrone?

Perché se ti incontra sola e indifesa può approfittarne?

Perché in certi paesi ti fanno quella dolorosa mutilazione?

Perché quando lui ti picchia, vergognandoti dici che sei caduta?

Perché tu che sei madre e dai la vita, può pensare di togliertela?

Perché ti può aggredire e lasciarti sfigurata?

Perché sopporti gli abusi giornalieri in casa e al lavoro?

Perché…perché…perché…

Perché non ci chiediamo

cosa ha fatto lei di male

per trattarla ingiustamente

quasi fosse un animale?

Perché non vogliam capire

che infliggendole dolore

siamo simili alle belve

e ne va del nostro onore?

Perché non ci sforziamo

a darle stima e tenerezza?

Si potrebbe constatare

che soltanto lei è certezza.