Il tempo e le rose
di Lorenzo Mori

Posso soltanto dirti
che nella nostra vita
non ho mai contato il tempo,
ne’ sfogliato un calendario.

I giorni si sono rincorsi,
senza sosta,
lasciando dietro di se
il profumo della primavera e
della prima pioggia d’agosto,

il frusciare del vento,
il battere soffice dei fiocchi di neve.

Conto invece i miei giorni con te
segnando ogni carezza ed ogni bacio dato,
tutti i fiori non colti che non ti ho regalato.

Vicino a te i giorni non appassiscono.