Liliana Pescioli

HOME | ARTIGIANATO È ARTE | Liliana Pescioli

Liliana Pescioli

Nasce a Volognano, presso un antico castello della campagna fiorentina, circondato da viti e olivi, dove trascorre gran parte della sua giovinezza. Inizia a dipingere fin da ragazza come autodidatta, con matita e carta, poi con i pennelli su tele, stoffe, quelli che sono i soggetti della vita di tutti i giorni: un volto di un amico o di un familiare, un paesaggio di campagna, un vicolo del suo paese. La passione per il disegno diventa poi una professione: per un certo periodo Liliana lavora come modellista in un’azienda di abbigliamento della zona di Firenze disegnando figurini di moda. Partecipa inoltre a varie mostre collettive ed estemporanee di pittura in cui riscuote un discreto successo. È in questi ultimi anni però che si dedica con maggior impegno alla pittura e riprende ad usare i colori ad olio sotto la guida del maestro e amico Roberto Smorti. Insieme ad altri artisti della zona fonda l’associazione culturale Colori del Levante Fiorentino. Nei suoi quadri riconosciamo quelli che sono i paesaggi delle nostre terre: le Gualchiere, la Pescaia dell’Arno, le campagne di Pelago, i vicoli di Raggioli e in particolare gli scorci del Castello di Volognano e di Torri, questi ultimi a lei particolarmente cari perché luoghi di ricordi dell’infanzia. Luoghi dove la memoria del passato si fonde con i cambiamenti del presente. La pittura è per Liliana un modo di raccontare tracce di vita fatta di cose semplici, attraverso un linguaggio figurativo altrettanto semplice ma efficace che si esprime con pennellate veloci e colori vivi e brillanti. Al nostro occhio spesso troppo frettoloso, si svelano così particolari inediti dei nostri paesaggi come un dettaglio di un muro, di un fiore o un tetto di una vecchia casa. Ha esposto tra l’altro a Firenze (Museo Archeologico, collettiva per Fiorgen 2009 e 2010), Pontassieve (Biblioteca Comunale, Palazzo Comunale, Bar Caste! Sant’Angelo), Pisa (Palazzo Gambacorti), Pelago, Rignano sull’Arno e Grassina. Come poetessa, nel 2015 ha pubblicato la seconda raccolta intitolata La casa Dirimpetto presentata nella sede del Comune di Pontassieve.

Daniela Fontanazza

EDIZIONI